Lega Diritti del Malato a breve stilerà un elenco di tutti i candidati con cui ha collaborato o sta sviluppando azioni concrete. Persone che, indipendentemente dal colore politico, hanno fatto o stanno concretamente lavorando con noi tenendo la salute della gente al centro delle loro attività. Non sarà un quadro esaustivo e certamente molti candidati validi mancheranno dal nostro elenco ma su queste persone noi possiamo dire che potete riporre la vostra fiducia.

Ricordiamoci delle persone oneste e del sistema sanitario, ora che potremo dire la nostra

“Nel Paese dei furbi, se gli onesti un giorno decidessero di sfilare per contarsi e riconoscersi non avrebbero bisogno di bloccare viale e corsi, basterebbe un vicolo” così recita la quarta di copertina di Vicolo degli Onesti, il romanzo storico di Raffaella Giuri (Linea Edizioni 2020).

In questo momento non possiamo permetterci di dimenticare le persone oneste che possono dare un contributo. Pensavamo di avere il miglior governo possibile, seppur non eletto, e i giochi di partito, e di poltrone, lo hanno sotterrato. Ora dobbiamo vivere nella speranza (con la s minuscola!) di poter costruirne in appena sessanta giorni uno, eletto dai cittadini. Questa è la democrazia con tutti i suoi difetti. Questa è la Costituzione di padri fondatori dopo aver avuto la dittatura.

De Donno e il racconto di chi è sopravvissuto grazie alla sua plasmaterapia

Impegniamoci da cittadini. Non programmiamo fughe quell’unica domenica dopo tanto tempo in cui potremo dire la nostra, liberamente. Il 25 settembre credo che il popolo italiano debba partecipare per non essere obbligato a sottomettersi totalmente a persone che ci hanno comunque sottomesso. Per il nostro bene, dicono loro. Ora abbiamo la possibilità di dire la nostra, diciamola. Non nascondetevi e non dimenticate nei giorni di ferie interposte, siate lucidi. Ricordate tutto quello che è successo in sanità negli ultimi anni? Vi hanno addomesticato con canoni spesso senza possibilità di contraddittorio: e non sono un no vax, sono un no imposizione. Sono un sì a favore dei cittadini e del bene comune.

Il Covid è stata ed è una immane tragedia. Le sue ferite sono ancora aperte e le cicatrici saranno deturpanti, tuttavia ci ha lasciato un bagaglio enorme. Ha dato un nuovo ruolo sociale a tutto il comparto che opera nella salute: da chi fa le pulizie in ospedale, a chi fa assistenza, agli infermieri, medici, manutentori… tutti. Tutti si sono sentiti utili. Il Covid è stato un collante del settore lavorativo italiano che dà da mangiare al maggior numero di persone in Italia. Il milione di italiani che lavora in sanità racconta storie che sono un misto di commozione, orgoglio e, in molti, la scoperta del lavorare insieme. Il Covid ha impoverito materialmente la società ma ne ha amalgamata una fetta importante. Questa è una ricchezza enorme, che va valorizzata e può catalizzare la trasformazione della nostra società malata.

Ricordate le persone valide che si prendono cura degli altri, non lasciamoli soli. Buona estate a tutti.

Di Diritti del malato

movimento per il sostegno del malato attraverso il miglioramento del sistema sanitario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.