VACCINI ANTI-COVID-19 NOTA SULLA VALUTAZIONE ETICA

Pubblichiamo un interessante lavoro sviluppato sviluppato dal Gruppo di Studio in Bioetica presso l’ufficio nazionale per la pastorale della salute della conferenza episcopale italiana.

Attualmente LDM non ha un proprio gruppo di lavoro in questo ambito, ma a breve, abbiamo il piacere di annunciarne la nascita.

Il merito di questo importante traguardo , va al lavoro di coordinamento fatto dal Avv. Ortensia Pagnotta. L’amica Ortensia oltre alle molteplici competenze è laureata in filosofia e scienze della comunicazione e ha un master di specializzazione in bioetica.

Ad Ortensia e al nuovo gruppo di lavoro un grazie da parte del Presidente M. Gemelli.

GSB

     GRUPPO DI STUDIO
       IN BIOETICA
                       presso
 l’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute
       della Conferenza Episcopale Italiana

  VACCINI ANTI-COVID-19
NOTA SULLA VALUTAZIONE ETICA

           NOTA N° 1 del 20 APRILE 2021
GSB
      GRUPPO DI STUDIO IN BIOETICA                                                                  NOTA N° 12001
      presso l’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute                                VACCINI ANTICOVID19
      della Conferenza Episcopale Italiana                                             NOTA SULLA VALUTAZIONE ETICA

      QUESITI

      1 - I quesiti morali principali a riguardo dei vaccini anti-Covid-19 sono due:
      a) i vaccini anti-Covid-19 sono sicuri ed efficaci?
      b) posto che i vaccini anti-Covid-19 siano sicuri ed efficaci, è lecito utilizzarli anche qualora siano
          stati sviluppati usufruendo di linee cellulari che provengono da tessuti ottenuti da aborti
          volontari?

      RISPOSTE

      2 - La risposta è affermativa per entrambi i quesiti, in quanto:
      a) le evidenze scientifiche relative ai vaccini anti-Covid-19 sono rassicuranti circa la sicurezza e
          l’efficacia, nonostante il persistere di alcune incognite, comuni a tutti i medicinali con approva-
          zione condizionata e/o in fase 4 di sperimentazione, che è la fase di sorveglianza eseguita dopo
          la loro immissione in commercio, ovvero quando non si è ancora in grado di dire con definitiva
          certezza:
          – se possano verificarsi eventi avversi oltre quelli già noti;
          – se e/o quanto il vaccino protegga solo dalle manifestazioni cliniche dovute all’infezione o
               anche dall’infezione stessa e dunque se e/o quanto vi sia il rischio di trasmissione;
          – quale sia la durata della protezione e se sia necessario ripetere la vaccinazione a distanza di
               tempo.
      b) Appropriarsi degli esiti di un male morale non è come cooperare al male stesso, ed è giustificato
          in caso di:
          – grave necessità, in assenza di valide alternative;
          – disapprovazione dichiarata dell’azione iniqua compiuta da altri;
          – ricerca di vie alternative per la ricerca.

      3 - Alla luce di questi criteri, l’utilizzo di vaccini anti-Covid-19 sviluppati usando linee cellulari deri-
      vate da aborti volontari è lecito, in quanto:
          – la pandemia in corso rappresenta una grave necessità;
          – si può usufruire dei vaccini denunciando l’iniquità degli aborti procurati;
          – si può usufruire dei vaccini invitando per il futuro a perseguire ricerche alternative all’utilizzo
               di materiale proveniente da aborti volontari.

                                                                 2 / 13
GSB
      GRUPPO DI STUDIO IN BIOETICA                                                                NOTA N° 12001
      presso l’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute                              VACCINI ANTICOVID19
      della Conferenza Episcopale Italiana                                           NOTA SULLA VALUTAZIONE ETICA

                                                         NOTA ESPLICATIVA

      4 - La problematica dei vaccini anti-Covid-19 è estremamente complessa, anche a motivo dei temi
      che include: ricerca, produzione, distribuzione, allocazione e programmazione di sanità pubblica. I
      quesiti morali principali, a cui è urgente rispondere, sono due: si tratta di vaccini sicuri ed efficaci?
      Posto che un vaccino sia sicuro ed efficace, qualora sia stato sviluppato usufruendo di linee cellu-
      lari che provengono da tessuti ottenuti da aborti volontari, il suo utilizzo è moralmente lecito?

      SICUREZZA E EFFICACIA DEL VACCINO

      Note introduttive, relative al protocollo di sperimentazione

      5 - La liceità morale dell’utilizzo di un vaccino si valuta anzitutto in base alla sua sicurezza ed effi-
      cacia. Come tutti i medicinali, il vaccino segue un protocollo di sperimentazione, che si articola in
      diverse fasi: preclinica, condotta in laboratorio e su modelli animali; clinica, condotta sull’uomo.
      6 - La sperimentazione preclinica si compone di due fasi: a) studi in vitro, volti a comprendere le
      caratteristiche della sostanza da cui si ritiene di poter ricavare un vaccino; b) studi in vivo sugli
      animali, volti a valutare in via preliminare la sicurezza (tollerabilità in relazione a eventuali effetti
      collaterali) e l’efficacia (capacità d’indurre la risposta immunitaria) del potenziale vaccino.
      7 - La sperimentazione clinica si compone di quattro fasi: a) le fasi 1, 2 e 3, precedenti alla com-
      mercializzazione del medicinale, testano il potenziale vaccino su un numero via via crescente di
      soggetti, al fine di determinare la sicurezza (insorgenza, frequenza e gravità degli effetti indeside-
      rati) e l’immunogenicità (capacità di stimolare la risposta del sistema immunitario) del potenziale
      vaccino. Gli studi di fase 3 sono controllati, nel senso che i soggetti trattati col potenziale vaccino
      sono confrontati con altrettanti soggetti trattati con un vaccino simile già in commercio o con trat-
      tamenti placebo, e randomizzati, cioè con una suddivisione casuale dei soggetti tra l’uno e l’altro
      gruppo; b) la fase 4, condotta su larga scala dopo la commercializzazione, valuta sicurezza ed effi-
      cacia del vaccino a lungo termine sulla popolazione a cui viene somministrato.

      Quesiti morali

      8 - Alla luce degli elementi scientifici richiamati, si pongono tre quesiti morali:
          – è lecito prendere parte alle fasi di sperimentazione di un potenziale vaccino?
          – è lecito commercializzare vaccini anti-Covid-19 realizzati in tempi così brevi?
          – è lecito rendere obbligatoria la vaccinazione anti-Covid-19?

                                                                 3 / 13
GSB
      GRUPPO DI STUDIO IN BIOETICA                                                                                     NOTA N° 12001
      presso l’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute                                                VACCINI ANTICOVID19
      della Conferenza Episcopale Italiana                                                             NOTA SULLA VALUTAZIONE ETICA

      Risposta al primo quesito.
      9 - Secondo il principio di solidarietà, ciascuna persona nutre una responsabilità verso gli altri, in
      specie verso i più fragili. Pertanto, una volta garantita l’integrità del soggetto, è lecito e anzi me-
      ritorio che questo si adoperi per soccorrere chi è nel bisogno. Come è lecita la donazione d’organi
      non vitali o doppi, in cui si ha una ragionevole e proporzionata lesività del donatore, rapportata ai
      benefici che ne ottiene il ricevente, così è lecito prendere parte alla sperimentazione di farmaci o
      vaccini, tanto più in caso di pandemia, in cui l’intera popolazione o larghe porzioni di essa corrono
      rischi elevati.
      Diverso è il caso dei challenge studies, in cui un gruppo di volontari è infettato deliberatamente
      (anziché essere esposto al contagio naturale, come nelle usuali sperimentazioni cliniche). Se nel
      caso di patologie non potenzialmente letali tale metodologia potrebbe essere presa in conside-
      razione, in caso di patologie potenzialmente letali si mette a repentaglio la vita del singolo. Il che
      contraddice il principio di rispetto e difesa della vita umana, basato sulla sua indisponibilità e invio-
      labilità. Per questo, il documento Aspetti di etica nella sperimentazione di vaccini anti-Covid-19, ha
      dichiarato tale metodologia di ricerca eticamente inaccettabile per la sperimentazione di vaccini
      anti-Covid-191.

      Risposta al secondo quesito.
      10 - Lo sviluppo di un vaccino è un processo lungo, che normalmente richiede anni, per verificarne
      la sicurezza e l’efficacia e per accertarne la durata della protezione. Parte dell’opinione pubblica
      ha sollevato il dubbio che il ricorso al risultato più rapido possibile abbia messo a rischio il rigore
      scientifico della sperimentazione. In realtà, come ha rilevato il già richiamato documento dell’Isti-
      tuto Superiore di Sanità (ISS), la metodologia scientifica è stata rispettata grazie all’applicazione
      di strategie di salvaguardia della sicurezza, che hanno consentito di superare la gran parte dei li-
      miti intrinseci all’accelerazione: l’inclusione di grandi numeri di partecipanti, insieme all’elevata
      incidenza dell’evento (malattia da Covid-19), ha consentito di rimediare alla brevità del tempo di
      osservazione.2 Inoltre, il carattere pandemico dell’infezione ha fatto sì che le aziende farmaceu-
      tiche ricevessero e investissero ingenti finanziamenti, e che le agenzie regolatorie preposte a
      esprimersi sulla qualità dei vaccini si pronunciassero in tempi rapidissimi. Da ultimo, la riduzione dei
      tempi è stata resa possibile dalle nuove tecnologie, come ad esempio la tecnica di sequenziamento
      del DNA, risalente agli anni ’70, ma potenziata nell’ultima decade, consentendo di sequenziare il

      1
        ISS COVID-19, Rapporto Covid-19 n. 3/2021. Aspetti di etica nella sperimentazione di vaccini anti-COVID-19: https://www.iss.it/
      documents/20126/ [...]
      2
         La partecipazione di 50 mila persone osservate per un tempo medio di 3 mesi produce un tempo virtuale di 150 mila mesi/persona,
      corrispondenti a un follow-up di 6 mila persone per 2 anni.

                                                                   4 / 13
GSB
      GRUPPO DI STUDIO IN BIOETICA                                                                                                  NOTA N° 12001
      presso l’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute                                                           VACCINI ANTICOVID19
      della Conferenza Episcopale Italiana                                                                        NOTA SULLA VALUTAZIONE ETICA

      genoma non più in settimane, ma in ore (non a caso, i vaccini a mRNA - RNA messaggero - e DNA
      ricombinante sono stati i primi ad essere prodotti).
      Una volta accertata la conformità della metodologia utilizzata ai criteri di scientificità richiesti, va
      subito precisato che la contrazione dei tempi per la commercializzazione del medicinale impedisce
      di avere dati definitivi sulla durata della protezione.
      Mentre non si dispone ancora di quest’ultimo dato, gli studi relativi alla sicurezza e all’efficacia dei
      vaccini finora approvati dalle autorità regolatorie sono confortanti3.

      11 - L’approvazione condizionata4 di un vaccino, che ha validità di un anno ed è rinnovabile, viene
      rilasciata quando i dati relativi alla sperimentazione clinica sono ancora incompleti e valgono le se-
      guenti condizioni: il rapporto rischi/benefici del medicinale è favorevole; è verosimile che il richie-
      dente sia in grado di fornire dati completi dopo l’autorizzazione; il medicinale soddisfa un bisogno
      medico insoddisfatto; il vantaggio della disponibilità immediata per i pazienti è maggiore del rischio
      derivante dal fatto che sono ancora necessari dati aggiuntivi.

      12 - La risposta al quesito relativo alla liceità di commercializzare i vaccini anti-Covid-19 va com-
      pletata prendendo in considerazione la loro costituzione: i vaccini dell’Università di Oxford e Astra-
      Zeneca e di Janssen sono costituiti da un virus (adenovirus) geneticamente modificato, in grado
      di stimolare la risposta immunitaria; i vaccini di Pfizer/BioNTech e di Moderna sono costituiti da
      mRNA, che stimola le cellule a produrre una proteina che induce la formazione di anticorpi. Fino a
      qualche tempo fa la tecnica a mRNA non era mai stata applicata alla produzione di vaccini, in quanto
      limitata da instabilità e inefficiente somministrazione in vivo. Tali problemi sono oggigiorno superati
      grazie allo sviluppo tecnologico. Inoltre, i vaccini costituiti da mRNA hanno il vantaggio di essere po-
      tenti, a rapido sviluppo, basso costo e somministrazione sicura5. Va poi ricordato che il filamento di

      3
           È quanto documenta un articolo pubblicato sulla rivista medica inglese The New England Journal of Medicine, relativo allo studio di
      fase 3 del vaccino sviluppato da Pfizer/BioNTech, condotto su circa 45 mila soggetti, che attesta una protezione acquisita dopo la se-
      conda dose del 95 %; tale studio riporta un numero limitato di effetti collaterali a breve termine (dolore moderato sul sito dell’iniezione,
      fatica e mal di testa) ed esclude eventi avversi gravi e decessi. F. P. Polack al., Safety and Efficacy of the BNT162b2 mRNA Covid-19
      Vaccine, «The New England Journal of Medicine» 27/383 (2020), 2603-2615.
      I
        dati del vaccino sviluppato da Moderna, testato su circa 30 mila persone, sono stati resi noti dalla Food and Drug Administration (FDA),
      ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione di prodotti alimentari e farmaceutici, e sono stati pubblicati in
      importanti riviste scientifiche. I risultati sono analoghi a quelli del vaccino di Pfizer/BioNTech, pertanto l’utilizzo è da considerarsi lecito.
      I
       l vaccino sviluppato dall’Università di Oxford e da AstraZeneca, come anche i due precedenti, ha ricevuto un’approvazione condizionata
      dalla European Medical Agency (EMA).
      L
        ’EMA successivamente ha autorizzato anche il vaccino sviluppato da Janssen che, come quello dell’Università di Oxford e da AstraZe-
      neca, utilizza un altro virus (adenovirus), modificato per contenere il gene per la produzione della proteina spike SARS-CoV-2.
      4
         È condizionata per i motivi di emergenza di sanità pubblica; in questo stadio la sperimentazione è comunque inevitabilmente incom-
      pleta perché non è ancora realizzata la fase 4.
      5
          N. Pardi al., mRNA vaccines – a new era in vaccinology, «Nature» 17 (2018), 261-279.

                                                                          5 / 13
GSB
      GRUPPO DI STUDIO IN BIOETICA                                                                                                   NOTA N° 12001
      presso l’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute                                                            VACCINI ANTICOVID19
      della Conferenza Episcopale Italiana                                                                         NOTA SULLA VALUTAZIONE ETICA

      mRNA dei vaccini anti-Covid-19 non entra nel nucleo della cellula e dunque non modifica il materiale
      genetico6.

      Risposta al terzo quesito.
      13 - Le evidenze scientifiche, che pure sono rassicuranti circa la sicurezza e l’efficacia, non sono
      prive d’incognite, in quanto non si è ancora in grado di dire con definitiva certezza: se possano veri-
      ficarsi altri eventi avversi rispetto a quelli già noti; se il vaccino protegga solo dalle manifestazioni
      cliniche dovute all’infezione o anche dall’infezione stessa e dunque se vi sia il rischio di trasmis-
      sione; quale sia la durata della protezione e se sia necessario ripetere la vaccinazione a distanza di
      tempo. A questo proposito è opportuno anche considerare che in Italia esiste da tempo una diffusa
      rete di sorveglianza degli effetti collaterali dei vaccini, presente in ogni azienda sanitaria locale e
      collegata ad analoghi sistemi degli altri paesi europei. Tale rete garantisce la sistematica rileva-
      zione degli eventi avversi talmente gravi da sospendere l’eventuale lotto del vaccino associato.
      Le incognite, che riguardano l’approvazione condizionata e la prevista sperimentazione farmaco-
      logica prima del termine della fase 4, non rendono immorale la somministrazione del vaccino, in
      quanto i rischi immediati a cui si sottopongono coloro che potrebbero beneficiare del trattamento
      ad oggi risultano significativamente ridotti, mentre i benefici in termini di protezione della vita e
      salute sono assai elevati, sia per i singoli che per la comunità.7

      14 - Alla luce delle considerazioni svolte, è possibile trarre due conclusioni:
      a) la somministrazione di vaccini anti-Covid-19 è lecita e anzi auspicabile.
      In particolare lo è per le persone a rischio (sanitari e anziani), certo monitorando gli effetti tramite
      la farmacosorveglianza di fase 4 (in specie a seguito di alcuni decessi sospetti);
      b) la somministrazione del vaccino dovrebbe essere facoltativa.
      Questo in base al principio forgiato dalla tradizione teologica morale secondo cui, qualora ci fosse
      un pericolo per la salute e la vita, ma questo pericolo fosse eventuale e non ineluttabile, il ricorso
      a un certo mezzo preventivo o terapeutico sarebbe da considerarsi un mezzo non obbligatorio.
      Inoltre, per la tradizione morale sono direttamente vincolanti soltanto i precetti morali negativi.

      6
         Centers for Disease Control and Prevention, Facts about COVID-19 Vaccines, Updated Dec. 20, 2020: https://www.cdc.gov/corona-
      virus/2019-ncov/vaccines/vaccine-benefits/facts.html
      7
          Vale la pena qui richiamare i due principi su cui si valuta la liceità degli interventi medici e chirurgici: principio di totalità o principio
      terapeutico, secondo cui l’intervento su un organo o una parte del corpo umano è lecito nel caso in cui, in ragione della sua morbilità
      o alterata funzionalità, esso risultasse dannoso per l’intero organismo (es. amputazione di un arto affetto da gangrena); principio del
      duplice effetto, secondo cui l’azione con due effetti, uno buono e l’altro cattivo, è lecita quando è in sé buona o indifferente, è volta
      all’effetto buono e non a quello cattivo, che, anche quando previsto, non è voluto (praeter intentionem), ottiene l’effetto buono non
      tramite quello cattivo; ha una ragione proporzionata (es. isterectomia in donna gravida affetta da carcinoma uterino).

                                                                           6 / 13
GSB
      GRUPPO DI STUDIO IN BIOETICA                                                                                                 NOTA N° 1fi2001
      presso l’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute                                                          VACCINI ANTICOVID19
      della Conferenza Episcopale Italiana                                                                       NOTA SULLA VALUTAZIONE ETICA

      Infine, la non obbligatorietà dei vaccini anti-Covid-19 è motivata dalle suddette incognite scienti-
      fiche. Certo, come ha recentemente sottolineato anche il Comitato Nazionale per la Bioetica, la li-
      bera decisione di vaccinarsi è una scelta di responsabilità non solamente verso sé stessi ma anche
      verso la società. Pertanto, qualora sussistesse un grave pericolo per la società, dovuto al diffon-
      dersi della pandemia, e non ci fosse altro modo per debellarla, le particolari circostanze potrebbero
      giustificare l’obbligo di vaccinazione, quantomeno per le categorie più a rischio8. In particolare, non
      è da escludere l’obbligo di vaccinazione per le persone che, a motivo della loro professione, se non
      vaccinate, potrebbero contagiare persone fragili: è questo il caso degli operatori sanitari.9

      VACCINI SVILUPPATI CON L’UTILIZZO DI MATERIALE PROVENIENTE DA ABORTI VOLONTARI

      Note introduttive

      15 - Tra i potenziali vaccini anti-Covid-19, alcuni sono stati prodotti o testati facendo ricorso a linee
      cellulari provenienti da aborti volontari compiuti nel 1972 (HEK-293) e nel 1985 (PER.C6). Quello
      dell’Università di Oxford e di AstraZeneca è stato prodotto utilizzando la linea cellulare HEK-29310,
      mentre quelli di Pfizer/BioNTech e di Moderna non sono stati prodotti ma solo testati sulla linea
      cellulare HEK-293; infine quello di Janssen è stato prodotto utilizzando la linea cellulare PER.C611.

      Quesito morale

      16 - Posto che un vaccino sia sicuro ed efficace, qualora sia stato sviluppato facendo ricorso, nel
      processo di produzione (vaccini dell’Università di Pittsburgh, di Janssen e dell’Università di Oxford
      e di AstraZeneca) e testazione (vaccini di Pfizer/BioNTech e di Moderna), a linee cellulari che pro-
      vengono da tessuti ottenuti da aborti volontari, il suo utilizzo è moralmente lecito?
      17 - La risposta è di solito posta nella cornice di ciò che la tradizione morale chiama cooperazione
      al male, categoria coniata nel XVIII secolo da Alfonso Maria de’ Liguori12. La cooperazione al male

      8
           Comitato Nazionale per la Bioetica, I vaccini e Covid-19: aspetti etici per la ricerca, il costo e la distribuzione, 27 novembre 2020.
      9
         Tale posizione ha fondamento nel principio di responsabilità, proprio della tradizione teologica morale, secondo cui l’intrinseca so-
      cialità della persona umana chiede di tutelare e salvaguardare il legame di interdipendenza tra gli uomini (cfr. Pontificio Consiglio della
      Giustizia e della Pace, Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa IV, 6, LEV, Città del Vaticano 2005).
      10
           M. Wadman, Abortion opponents protest COVID-19 vaccines’ use of fetal cells, «Science» 5 June 2020.
      11
         D. Prentice, Update: COVID-19 Vaccine Candidates and Abortion-Derived Cell Lines, Sept. 30, 2020: https://lozierinstitute.org/up-
      date-covid-19-vaccine-candidates-and-abortion-derived-cell-lines/
      12
           K. Flannery, Cooperation with Evil: Thomistic Tools of Analysis, Catholic University Press, Washington D.C., 2019.

                                                                          7 / 13
GSB
      GRUPPO DI STUDIO IN BIOETICA                                                                                       NOTA N° 1fi2001
      presso l’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute                                                    VACCINI ANTICOVID19
      della Conferenza Episcopale Italiana                                                                 NOTA SULLA VALUTAZIONE ETICA

      fa riferimento al caso in cui un soggetto (cooperante) compie un’azione che contribuisce, in modo
      subordinato, all’azione iniqua progettata e attuata da un altro soggetto (agente principale).

      Tipologia.
      18 - La cooperazione al male si distingue:
      a) quanto all’intenzione, in formale e materiale, a seconda che il cooperante condivida o meno l’in-
           tenzione dell’agente principale;
      b) quanto al fatto e agli effetti, in: prossima o remota, a seconda della vicinanza o lontananza (spa-
           ziale o temporale) tra l’azione del cooperante e quella dell’agente principale; diretta o indiretta,
           a seconda che il cooperante partecipi all’azione dell’agente principale o metta a disposizione
           un mezzo per la sua attuazione; attiva o passiva, a seconda che il cooperante contribuisca all’a-
           zione dell’agente principale o, avendone la possibilità, ometta di impedirla; necessaria e con-
           tingente, a seconda che l’azione del cooperante sia necessaria per attuare l’azione dell’agente
           principale o intervenga sulla facilità e sugli effetti dell’esecuzione.

      Criteriologia.
      19 - La cooperazione formale al male consiste nell’approvazione da parte del cooperante dell’a-
      zione cattiva dell’agente principale, mentre quella materiale no. Pertanto, mentre la cooperazione
      formale non è mai lecita, in quanto il soggetto agente è chiamato a operare secondo retta ragione
      per il bene proprio e, per quanto dipende da lui, per favorire il darsi delle condizioni per il bene di
      tutti13, per la cooperazione materiale è possibile stabilire condizioni e limiti di accettabilità morale.
      A motivo della varietà e complessità delle situazioni, il discernimento sulla liceità della coopera-
      zione materiale al male è sottoposto al prudente giudizio della coscienza, che tiene conto di alcuni
      criteri orientativi:
      a) distanza maggiore: più remota è la cooperazione, più facilmente può essere ritenuta lecita;
      b) giusta causa: la presenza di ragioni proporzionatamente gravi può rendere la cooperazione lecita;
      c) qualora si stabilisse che una certa cooperazione materiale al male è lecita, il cooperante deve
           evitare o rimuovere eventuali motivi di scandalo, dovuti all’apparente approvazione del male.

      In ogni caso, la prima responsabilità è di cooperare al bene e, per quanto possibile, prevenire e evi-
      tare situazioni complesse in cui la cooperazione al male diviene inevitabile14.

      13
           Cfr. Lettera enciclica Evangelium vitae, 74
      14
           L. Melina, Corso di bioetica. Il Vangelo della vita, PIEMME, Casale Monferrato 1996, 247-252.

                                                                       8 / 13
GSB
      GRUPPO DI STUDIO IN BIOETICA                                                                                                 NOTA N° 12001
      presso l’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute                                                          VACCINI ANTICOVID19
      della Conferenza Episcopale Italiana                                                                       NOTA SULLA VALUTAZIONE ETICA

      Valutazione morale.
      20 - Alla luce degli elementi richiamati, una volta esclusa la condivisione della intenzione abortiva,
      la cooperazione al male (dell’aborto volontario) attuata da chi ricerca e produce il vaccino, da chi
      vaccina e da chi è vaccinato, si configura come materiale e remota.15 Pertanto, a motivo della pre-
      senza di ragioni proporzionatamente gravi (rischi per la salute e la vita, personale e della comunità),
      una volta evitato lo scandalo, tale cooperazione è moralmente giustificata.16

      Spunti di riflessione

      21 - Il quesito morale di cui sopra trova una risposta più agevole e adeguata alla luce della categoria
      di appropriazione del male, coniata alla fine del XX secolo da M. Cathleen Kaveny, studiosa di diritto
      e teologia. Nell’articolo Appropriation of Evil: Cooperation’s Mirror Image, apparso nel 2000 sulla
      rivista Theological Studies, la pensatrice statunitense sostiene che l’utilizzo nella ricerca scienti-
      fica di materiale proveniente da aborto volontario, al pari di altre fattispecie morali (es. utilizzo nella
      ricerca scientifica di dati provenienti dagli esperimenti condotti dai nazisti sui prigionieri nei campi
      di concentramento), più che costituire una cooperazione al male, si configuri come appropriazione
      del male, in quanto l’azione del soggetto agente (appropriatore) non facilita quella di un altro sog-
      getto, ma prende vantaggio dall’azione di un altro soggetto (agente ausiliare).
      22 - In effetti, nel caso dei vaccini anti-Covid-19, il ricercatore, il vaccinatore e il vaccinato non coo-
      perano in alcun modo all’atto abortivo, già compiuto nel passato (1972 e 1985), ma si appropriano
      degli esiti prodotti da quell’atto iniquo per trarne vantaggio.17
      Il quesito morale posto dai casi di appropriazione del male è dunque se e in quale misura sia lecito
      appropriarsi e utilizzare prodotti e/o sottoprodotti di un’azione iniqua compiuta da altri.

      23 - Nel caso dei vaccini anti-Covid-19, l’interrogativo suona così: è lecito appropriarsi di infor­
      mazioni e materiali derivanti da aborti volontari commessi in passato per sviluppare e utilizzare
      vaccini nel presente?
      La risposta è affermativa, in quanto la connessione tra la ricerca e l’utilizzo nel presente di infor-
      mazioni e materiali derivanti da aborti commessi nel passato è accidentale, ovvero il vantaggio

      15
           Cfr. P. Schneider, Vaccines and Doubly Remote Cooperation in Evil, apparso su Public Discourse
      16
          Cfr. Nota della Pontificia Accademia per la Vita del 2005, Riflessioni morali circa i vaccini preparati a partire da cellule provenienti da
      feti umani abortiti; cfr. Istruzione della Congregazione per la Dottrina della Fede del 2008, Dignitas personae; cfr. Nota della Congrega-
      zione per la Dottrina della Fede del 21 dicembre 2020, Sulla moralità dell’uso di vaccini anti-Covid-19
      17
          L’appropriazione degli esiti di un’azione iniqua compiuta da altri nel passato può, in taluni casi, configurarsi come cooperazione alla
      reiterazione della stessa nel presente, per questo la trattazione della cooperazione ha preceduto quella dell’appropriazione

                                                                         9 / 13
GSB
      GRUPPO DI STUDIO IN BIOETICA                                                                                             NOTA N° 1fi2001
      presso l’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute                                                       VACCINI ANTICOVID19
      della Conferenza Episcopale Italiana                                                                    NOTA SULLA VALUTAZIONE ETICA

      scientifico e terapeutico è stato ricavato per accidens dall’atto abortivo illecito, ma avrebbe po-
      tuto essere ricavato da feti morti per aborto spontaneo.
      Tuttavia, affinché l’appropriazione non costituisca una sorta di approvazione dell’atto cat-
      tivo operato da altri (nel caso in esame l’aborto volontario) o comunque non paia tale agli occhi di
      terzi (che potrebbero rimanerne scandalizzati o sentirsi giustificati a seconda del proprio convin-
      cimento), è doveroso dichiarare la propria contrarietà ad esso. Per la stessa ragione, è doveroso
      invitare a cercare vie alternative di ricerca.18 L’esistenza di brevetti scientifici e le ingenti somme
      di denaro investito per produrre determinate linee cellulari rendono altamente improbabile la realiz-
      zazione di tale proposta. Tuttavia, gli alti profitti delle vendite dei vaccini anti-Covid-19 giustificano
      tale richiesta e la rendono percorribile anche sotto il profilo economico.

      Sintesi conclusiva

      24 - Il tema della cooperazione al male e dell’appropriazione del male è di grande attualità, al di là
      della questione dei vaccini, a motivo della complessità della società odierna, che è plurale, ovvero
      caratterizzata dalla coesistenza di visioni della vita differenti e spesso conflittuali, e globalizzata,
      ovvero caratterizzata dal moltiplicarsi di forme di agire collettivo, che spesso rendono arduo risa-
      lire a responsabilità individuali.
      L’utilizzo della categoria di appropriazione del male (che indica in realtà l’appropriazione di prodotti
      o sottoprodotti di un male compiuto da altri nel passato), consente di offrire chiarimenti a riguardo
      della produzione e utilizzo di vaccini anti-Covid-19 con linee cellulari provenienti da aborti procurati.

      Dilemma morale.
      25 - Appropriarsi degli esiti di un male (appropriation of evil) non è come cooperare al male (coope-
      ration with evil). Tuttavia l’appropriazione può:
      a) cooperare alla reiterazione di quel male nel presente o nel futuro;
      b) dare scandalo, ovvero dare l’impressione di approvare quell’azione iniqua;
      c) indebolire la credibilità di eventuali obiezioni a quell’azione iniqua;
      d) oscurare la propria coscienza, ovvero condurre a giustificare anche personalmente quell’azione
           iniqua.

      18
           Cfr. Nota della Congregazione per la Dottrina della Fede del 21 dicembre 2020, Sulla moralità dell’uso di vaccini anti-Covid-19, n. 6;
      cfr. Lettera a Stephen Hahn, commissario della U.S. Food and Drug Administration, e Lettera a Justin Trudeau, primo ministro canadese,
      inviate nell’aprile e nel maggio del 2020 da alcune personalità del mondo religioso e scientifico statunitense e canadese

                                                                       10 / 13
GSB
      GRUPPO DI STUDIO IN BIOETICA                                                                                            NOTA N° 12001
      presso l’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute                                                      VACCINI ANTICOVID19
      della Conferenza Episcopale Italiana                                                                   NOTA SULLA VALUTAZIONE ETICA

      Tipologia di appropriazione.
      26 - Ci sono quattro modi di trarre vantaggio da un atto cattivo altrui:
      a) l’appropriatore compie un’azione che persegue uno scopo contrario all’intenzione di colui che ha
           commesso l’atto cattivo. Es. l’appartenente alle forze dell’ordine che beneficia dei reati com-
           messi dai criminali, senza i quali sarebbe disoccupato. In tal caso, l’appropriazione è lecita, in
           quanto mira a contrastare il male stesso di cui ci si appropria;
      b) l’appropriatore compie un’azione che persegue uno scopo parallelo all’intenzione di colui che ha
           commesso l’atto cattivo. Es. il paziente con insufficienza renale che riceve un rene donato da
           una vittima di omicidio che aveva previamente dato il proprio consenso a donare i propri organi
           in caso di morte. In tal caso, l’appropriazione è lecita, in quanto l’azione iniqua non è stata realiz-
           zata dall’ospite che riceve l’organo né è stata realizzata per alimentare il traffico d’organi;
      c) l’appropriatore compie un’azione che persegue uno scopo almeno parzialmente in accordo con
           l’intenzione di colui che ha commesso l’atto cattivo. Es. il ricercatore che utilizza conoscenze
           scientifiche derivate dagli esperimenti condotti dai medici nazisti nei campi di concentramento.
           In tal caso, l’appropriazione sembra lecita, in quanto l’azione non è stata realizzata dai medesimi
           ricercatori, sebbene qualche dubbio morale persista, in quanto l’azione è stata realizzata esat-
           tamente allo scopo di progredire nella ricerca. Pertanto l’appropriazione potrebbe in qualche
           modo incoraggiare pratiche simili nel presente o nel futuro;
      d) l’appropriatore compie un’azione che persegue uno scopo in accordo con l’intenzione di colui
           che ha commesso l’atto cattivo. Es. vedere un filmato in cui gli omicidi commessi sono reali,
           non per svolgere delle indagini, ma per trarne eccitamento, secondo l’intenzione del regista. In
           tal caso, l’appropriazione è illecita, in quanto avalla l’eventuale reiterazione di quel reato nel pre-
           sente, e dunque l’appropriatore vi coopera formalmente19.

      Risoluzione del dilemma morale.
      27 - Trarre vantaggio dal male non è lo stesso che commettere il male.
      Per questo, appropriarsi delle conseguenze del male può essere giustificato, anche quando l’appropria-
      tore compie un’azione che persegue uno scopo almeno parzialmente in accordo con l’intenzione di colui
      che in precedenza ha commesso l’atto cattivo (caso 2c), purché si verifichino le seguenti circostanze:
      a) grave necessità, in assenza di valide alternative;
      b) disapprovazione dichiarata dell’azione iniqua compiuta da altri;
      c) ricerca di vie alternative nell’ambito della sperimentazione scientifica.

      19
          S. Kampowski, Cooperazione, appropriazione e vaccini preparati con l’aiuto di ricerche sulle cellule fetali, 26 gennaio 2021: https://
      review.veritasamoris.org/cooperazione-appropriazione-e-vaccini-preparati-con-laiuto-di-ricerche-sulle-cellule-fetali

                                                                      11 / 13
GSB
      GRUPPO DI STUDIO IN BIOETICA                                                                                              NOTA N° 12001
      presso l’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute                                                        VACCINI ANTICOVID19
      della Conferenza Episcopale Italiana                                                                     NOTA SULLA VALUTAZIONE ETICA

      28 - Alla luce di questi criteri, si può asserire che l’utilizzo di linee cellulari derivate da aborti volon-
      tari è lecito in quanto:
      a) la pandemia in corso rappresenta una grave necessità e giustifica l’utilizzo di linee cellulari ad alta
           efficacia e a basso costo per la produzione, la testazione e l’utilizzo dei vaccini anti-Covid-19;
      b) si può usufruire dei vaccini anti-Covid-19 denunciando l’iniquità degli aborti procurati;
      c) si può usufruire dei vaccini anti-Covid-19 invitando per il futuro a perseguire ricerche alternative
           a quelle che utilizzano campioni biologici provenienti da aborti volontari.

      Va evidenziato che la connessione tra il ricorso all’aborto e la produzione di linee cellulari non è so-
      stanziale ma accidentale, ovvero il ricercatore può volere il fine buono (linee cellulari) senza volere
      i mezzi cattivi (aborto volontario).20

      In conclusione, pur ribadendo la liceità della produzione e somministrazione dei vaccini alle condi-
      zioni su esposte, è quantomeno auspicabile che, qualora giungessero in fase 4 vaccini eticamente
      ineccepibili, si favorisca la possibilità di scelta da parte della popolazione. A tal fine, le istituzioni
      e gli enti preposti a dare pubblica diffusione alle informazioni in merito ai vaccini sono chiamati a
      offrire una comunicazione corretta e rigorosa, chiarendo le caratteristiche della prevenzione vacci-
      nale, dei rischi e benefici, e le modalità di sviluppo dei vaccini stessi.

      20
           È almeno possibile che l’aborto volontario non fosse stato realizzato per ottenere materiale di ricerca e che i ricercatori che hanno
      ricavato le linee cellulari dal feto abortito non abbiano cooperato formalmente con quell’aborto, e dunque l’utilizzo fosse lecito, al pari
      del caso di donatore adulto morto per un crimine violento che ha donato un organo a qualcuno che non ha niente a che fare con la sua
      morte. È questo lo scenario più plausibile per l’HEK293-, dato che tra l’aborto procurato del 1972 e la produzione della linea cellulare
      del 1973 è passato parecchio tempo: A. Wong, The Ethics of HEK-293, «National Catholic Bioethics Quarterly» 496-473 ,)2006( 6.
      I
       noltre, il ricercatore che ha stabilito l’HEK-293 ha dichiarato di non essere stato a conoscenza di quanto era accaduto in precedenza al
      feto: P. G. Austriaco Nicanor, Moral Guidance on Using COVID-19 Vaccines Developed with Human Fetal Cell Linea, Public Discourse 26
      May 2020: https://www.thepublicdiscourse.com/2020/05/63752/
      L’origine di questa linea cellulare, se da aborto spontaneo o volontario, risulta controversa anche in considerazione del fatto che l’aborto
      è avvenuto in Olanda nel 1972, dove la legge che lo ha legalizzato è del 1984.

                                                                       12 / 13
GSB
      GRUPPO DI STUDIO IN BIOETICA
      presso l’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute
      della Conferenza Episcopale Italiana

      Questa nota è stata redatta e sottoscritta da:
        – Don Paolo Angelo BONINI - Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma

        – Prof. Maurizio CALIPARI - Università Europea, Roma - Scienza & Vita

        – Mons. Mauro COZZOLI - Pontificia Università Lateranense, Roma

        – Don Alberto FRIGERIO - Istituto Superiore di Scienze Religiose, Milano

        – Avv. Luisa LODEVOLE - PhD Università degli Studi di Roma Tor Vergata

        – Prof.ssa Assunta MORRESI - Università degli Studi, Perugia

        – Dott. Carlo PETRINI - Unità Bioetica, Istituto Superiore di Sanità, Roma

        – Prof. Antonio Gioacchino SPAGNOLO - Dipartimento di Sicurezza e Bioetica, Università Cattolica
             del Sacro Cuore, Roma

                                                                 13 / 13

Autore dell'articolo: Diritti del malato

movimento per il sostegno del malato attraverso il miglioramento del sistema sanitario.