Obbligo vaccinale e Green Pass, cosa succede per asili nido e materne?

Si aspetta un protocollo che chiarisca come comportarsi con il Green Pass per tutto il personale non strettamente scolastico ma che ha accesso alle aule, compresi i genitori che devono fare l’inserimento dei figli più piccoli

Dall’1 settembre, è stato detto e ripetuto più volte, scatta l’obbligo del Green Pass per accedere agli edifici scolastici da parte di docenti e personale. La decisione vale per tutte le scuole di ogni ordine e grado, ma se per elementari, medie e superiori le direttive sono abbastanza chiare, per scuole dell’infanzia e nidi alcune questioni rimangono aperte.

Green Pass asili nido e scuole materne: obbligo per tutti?

Per i servizi per l’infanzia da zero a sei anni, infatti, le figure che accedono agli edifici scolastici sono diverse e non si limitano al personale e gli insegnanti: c’è il personale che lavora nelle mense, gli assistenti per gli alunni con disabilità, nonché i genitori che devono seguire i figli nei primi giorni di inserimento. Per loro, il Ministero dell’Istruzione sta varando proprio in queste ore un protocollo che ne regolamenti l’accesso, come richiesto a gran voce da Comuni, sindacati e parti sociali.
Il pericolo, altrimenti, è che si proceda in ordine sparso con ogni regione, e magari ogni distretto scolastico, che stabilisce un proprio protocollo.

Al momento, l’orientamento pare essere quello di estendere l’obbligo del Green Pass a tutte queste figure che, pur non facendo parte del personale strettamente scolastico, hanno comunque accesso alle aule.
La questione appare particolarmente delicata per quanto riguarda il personale delle mense, per il quale c’è il dubbio che possa bastare il protocollo ma sia necessaria una legge ad hoc. Qualcuno ha ipotizzato che ci possa essere una differenziazione tra chi effettivamente è a contatto con i bambini e chi si limita al lavoro in cucina. La decisione, però, deve essere comune e, soprattutto, deve arrivare dagli organi politici, onde evitare ricorsi e diffide verso le decisioni eventualmente prese dalle singole società che gestiscono i servizi mensa.

Il nodo del controllo del Green Pass negli asili nido

Altro nodo riguarda la questione dei controlli del Green Pass per la quale enti locali e gestori degli asili nido chiedono di poter accedere alla “super App” che dal 13 settembre dovrebbe permettere controlli rapidi e immediati in tutte le scuole. Come dichiarato a Repubblica da Laura Galimberti, assessora all’educazione del Comune di Milano; “«È importante che anche noi possiamo contare su questo metodo, perché controllare ogni giorno il Green Pass persona per persona diventerebbe un lavoro immane e difficilmente gestibile. Il ministero della Salute ci ha dato il suo parere favorevole e studierà i dettagli tecnici per poterci includere e consentire il passaggio dei dati”.
Tutto, insomma, è ancora da stabilire concretamente. Di sicuro c’è che il tempo ormai è poco.

Autore dell'articolo: Diritti del malato

movimento per il sostegno del malato attraverso il miglioramento del sistema sanitario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *