Finti pazienti per mettere alla prova i medici negli ospedali: è boom durante l’emergenza coronavirus in Usa e da noi?

Non si tratta di una novità, ma di una figura nata negli anni Settanta per insegnare ai medici più giovani come costruire un buon rapporto con i malati e gli errori da non fare

Dei finti malati mandati negli ospedali per mettere alla prova i medici e le loro reazioni davanti a casi particolari. Si chiamano pazienti attori o pazienti simulati e in questo periodo di emergenza coronavirus la loro diffusione è aumentata notevolmente negli ospedali degli Stati Uniti. Non si tratta di una novità, ma di una figura nata negli anni Settanta per insegnare ai medici più giovani come costruire un buon rapporto con i malati e gli errori da non fare. A richiedere i pazienti attori sono numerosi ospedali, dalla California a New York, dall’Arizona all’Alaska, come riferisce il Messaggero.

Autore dell'articolo: Diritti del malato

movimento per il sostegno del malato attraverso il miglioramento del sistema sanitario.

1 commento su “Finti pazienti per mettere alla prova i medici negli ospedali: è boom durante l’emergenza coronavirus in Usa e da noi?

    Aldo

    (21 Agosto, 2020 - 4:52 pm)

    Sarebbe davvero un ottima cosa !!!!
    Ma da noi i medici di base non fanno neppure gli aggiornamenti !
    Io faccio Idraulico e per legge devo fare corsi con esami e loro ???
    Nulla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *