COVID-19 è un’infiammazione vascolare sistemica

Molto più della polmonite, COVID-19 è un’infiammazione vascolare sistemica, secondo uno studio di ricercatori di Zurigo. Questo spiega perché causa così tanti problemi cardiovascolari e insufficienze di organi vitali.

I primi pazienti avevano principalmente polmonite difficile da curare, ha detto in una dichiarazione l’Ospedale Universitario di Zurigo (USZ). Successivamente, i medici hanno riscontrato un numero crescente di casi di problemi cardiovascolari e di insufficienze d’organo multiple senza alcun apparente collegamento con la polmonite.

Il team di Zsuzsanna Varga all’USZ ha quindi esaminato campioni di tessuto di pazienti morti con un errato esame e ha scoperto che l’infiammazione ha colpito l’endotelio – il rivestimento interno dei vasi sanguigni – di vari organi.

Il virus della SARS-CoV-2 potrebbe essere rilevato nell’endotelio stesso, dove provoca la morte delle cellule e quindi dei tessuti e degli organi colpiti. I ricercatori deducono che il virus attacca il sistema immunitario non attraverso i polmoni, ma direttamente attraverso i recettori ACE2 nell’endotelio, che poi perde la sua funzione protettiva.

Tutti gli organi colpiti

“COVID-19 può colpire i vasi sanguigni in tutti gli organi”, dice Frank Ruschitzka, direttore della clinica cardiologica dell’USZ, che ora suggerisce di chiamare il quadro clinico “COVID-endotelite”.

Si tratta di un’infiammazione sistemica dei vasi sanguigni che può colpire il cuore, il cervello, i polmoni, i reni e l’apparato digerente. Porta a gravi microdisturbi del flusso sanguigno che possono danneggiare il cuore o causare embolie polmonari, o addirittura bloccare i vasi sanguigni nel cervello o nel sistema gastrointestinale, sottolinea l’USZ.

Mentre l’endotelio dei giovani pazienti sta andando bene, questo non è il caso dei gruppi a rischio con ipertensione, diabete o malattie cardiovascolari, la cui caratteristica comune è la riduzione della funzione endoteliale.

A livello terapeutico, questo significa combattere la moltiplicazione del virus e allo stesso tempo proteggere e stabilizzare il sistema vascolare dei pazienti, conclude il Prof. Ruschitzka, citato nel comunicato stampa. Questo lavoro è pubblicato sulla rivista medica britannica The Lancet.

Un virus come nessun altro

Altre ricerche pubblicate sulla rivista Science puntano nella stessa direzione, indicando una malattia sistemica e un virus che agisce in modo diverso da qualsiasi altro agente patogeno visto finora.

Sono stati segnalati danni ai reni, al cervello e al sistema nervoso centrale, nonché encefalite, convulsioni e ictus in pazienti che si sono ripresi. L’intestino, ricco di recettori ACE2, è un’altra prima linea di attacco: la metà dei pazienti soffre di diarrea. Anche gli occhi e il fegato ne sono colpiti.

Autore dell'articolo: Diritti del malato

movimento per il sostegno del malato attraverso il miglioramento del sistema sanitario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *