COVID 19, pochi decessi in Germania ! Una possibile verità

Rispetto ad altri paesi, il numero di morti causate dal coronavirus in Germania è basso. L’Istituto Robert Koch avverte, tuttavia, che non è una scommessa sicura. Spieghiamo perché i dati sui tassi di mortalità dovrebbero essere trattati con cautela e quali ipotesi esistono per il basso numero di morti in Germania.

Per settimane, le autorità, gli scienziati e i media hanno parlato e scritto dei tassi di mortalità nei singoli Paesi in relazione alla malattia polmonare Covid-19. Le cifre variano molto da Paese a Paese. L’università americana Johns Hopkins University, ad esempio, elenca le morti per corona in relazione al numero totale di casi registrati e per 100.000 abitanti. La Spagna ha 33 morti corona ogni 100.000 abitanti, l’Italia 30, il Belgio 22 e la Germania solo poco più di tre morti corona ogni 100.000 abitanti.

Se si considera il numero di decessi per 100 casi confermati, l’Italia è in testa con il 12,7%, seguita dal Regno Unito (12,1%) e dai Paesi Bassi (11%). La Germania arriva ad un valore del 2,2%. L’istituto tedesco Robert Koch ha recentemente riportato una percentuale di decessi dell’1,9% [leggermente inferiore su https://www.rki.de/DE/Content/InfAZ/N/Neuartiges_Coronavirus/Situationsberichte/2020-04-09-de.pdf?__blob=publicationFile]. (Stato: 10.4., 14.30).

Indipendentemente dal metodo di calcolo, il tasso di mortalità in Germania è quindi considerato basso. Com’è possibile? Sono state avanzate diverse teorie, che vorremmo spiegare in questa sede.

Quanto sono affidabili le cifre?

Innanzitutto va ricordato che le statistiche dei singoli Paesi sono paragonabili solo in misura molto limitata. I tassi di mortalità attualmente quotati sono di solito derivati dalla percentuale di decessi nelle cifre riportate ufficialmente. Tuttavia, questi sono spesso in ritardo rispetto alla realtà a causa di ritardi tecnici e di diversi canali di rendicontazione. Inoltre, il numero di persone sottoposte a test e quindi il numero di casi registrati ha un enorme impatto sul tasso di mortalità: se un Paese esegue molti test, trova molte persone infette con decorsi lievi dell’infezione – quindi anche il tasso di mortalità diminuisce. Tuttavia, questo non vale se si confronta il numero di morti di corona con il valore di 100.000 abitanti, perché qui i malati e i sani sono considerati in egual misura.

Il Guardian riferisce anche che molti decessi post-mortem non chiari in Italia sono ora in fase di test per il sars-CoV-2. Non è sempre così in Germania. È quindi possibile che alcuni decessi non siano stati individuati – anche se i ricercatori ritengono che ciò sia raro al momento a causa dell’elevato livello di consapevolezza dell’argomento. In generale, non è sempre possibile dire chiaramente se la Covid-19 o un’altra malattia ha portato alla morte in una persona con diverse malattie precedenti. I tassi di mortalità potrebbero quindi essere troppo alti o troppo bassi, a seconda del paese.

Un altro problema è che molte persone sono ancora malate e potrebbero morire nei prossimi giorni. Anche se nessuno si infettasse di nuovo dopo un certo giorno, ci sarebbero comunque più morti dove i pazienti sono stati infettati nei giorni precedenti. Quindi i ricercatori non saranno in grado di dire con certezza prima della fine della pandemia quanto sia realmente mortale la Sars-CoV-2 e quanto i tassi di mortalità differiscano da paese a paese.

Numero di test e numero di casi non dichiarati

Una spiegazione relativamente probabile per i diversi valori è il numero di test in un paese e il conseguente numero di casi non dichiarati. L’Istituto Robert Koch aveva spiegato i numeri bassi rispetto all’Italia e alla Spagna con il fatto che la Germania aveva testato in modo relativamente ampio fin dall’inizio e quindi aveva scoperto precocemente l’agente patogeno. Di conseguenza, sono stati rilevati anche molti casi lievi. Tuttavia, c’è anche un ritardo temporale. “Le persone muoiono solo dopo un certo decorso della malattia. Purtroppo, ora abbiamo anche casi in case di cura e di riposo. Dobbiamo supporre che il tasso di mortalità aumenterà. Per poter fornire informazioni più precise sul numero di casi non segnalati, l’Istituto Robert Koch ha annunciato diversi studi in cui verranno analizzati i campioni di sangue per la ricerca di anticorpi. L’obiettivo è quello di scoprire quante persone nel paese sono immuni e la percentuale di casi senza sintomi. Da questo dipende anche il tasso di mortalità.

Il virologo Streeck di Bonn, insieme ad altri ricercatori, ha esaminato il distretto di Heinsberg, particolarmente colpito, nella Renania Settentrionale-Vestfalia. La comunità di Gangelt era particolarmente in vista. Secondo i dati preliminari, la probabilità di morire di Covid-19 era dello 0,37 per cento rispetto al numero totale di persone infette. In una sorta di campione casuale, i ricercatori avevano anche testato molte persone positive al sars-CoV-2 che avevano un decorso abbastanza lieve o quasi nessun sintomo – e che finora non erano state incluse in nessuna statistica. Tuttavia, alcuni esperti sono critici nei confronti dello studio.

Demografia e fattori di rischio

Si presume che in Italia ci siano moltissimi morti perché in Italia vive un numero relativamente alto di anziani. Tra le altre cose, il rischio di sviluppare una grave malattia di Covid-19 aumenta con l’età. Il presidente dell’RKI Wieler ha anche sottolineato all’inizio che in Germania non molti anziani sono stati colpiti dalla malattia e che questo potrebbe anche essere un fattore di bassa mortalità.

Un’équipe dell’Università di Oxford ha presentato la tesi che in Italia più anziani vivono in comunità di appartamenti o case con i loro familiari più giovani. Quando portano a casa il virus – a volte senza sintomi – molte persone anziane sono infettate.

Anche altri fattori di rischio potrebbero svolgere un ruolo – sebbene la loro influenza non sia ancora stata chiarita in modo definitivo. Dopo che dalla Cina sono stati resi noti i dati, secondo i quali sono morti molti più uomini che donne, si è stabilito un legame con il fumo. Perché in Cina, come in molti altri Paesi, fuma molto più uomini che donne (circa il 52% degli uomini – ma solo il 2,7% delle donne). In Germania, la differenza di genere nel fumo è molto minore. Se questo aspetto possa spiegare le diverse cifre è considerato piuttosto improbabile.

Sistemi sanitari e tempi di preparazione

Si sospetta inoltre che la qualità dei sistemi sanitari dei singoli Paesi abbia un’influenza sui tassi di mortalità. Una cosa è chiara: quando i limiti di capacità dei letti per terapia intensiva e dei ventilatori saranno raggiunti, aumenterà anche il numero dei decessi. Questo è stato dimostrato, ad esempio, in alcune regioni d’Italia, dove i medici hanno riferito di dover decidere quali pazienti collegare a uno dei pochi ventilatori e quali no.

A causa della successiva epidemia, così come le prime conoscenze in materia e le misure associate in Germania, gli ospedali di questo paese hanno guadagnato tempo per aumentare la capacità. Ciò aumenterà in modo significativo il numero di letti per la terapia intensiva. Sono in corso e sono stati cancellati anche gli interventi posticipati e il personale di altri reparti è stato riqualificato per la cura dei pazienti affetti da Covid-19.

L’Italia riferisce anche che, almeno inizialmente, gli ospedali non sempre avevano aree speciali per i pazienti Covid-19. Il virus si è diffuso negli ospedali e ha infettato pazienti già indeboliti. In Germania, in molti ospedali sono state allestite aree speciali per i pazienti affetti da corona.

La probabilità di morire di Covid-19 aumenta con alcune malattie precedenti, come l’ipertensione o il diabete. Se le persone con queste condizioni preesistenti vivono in un sistema sanitario che fornisce una buona assistenza, potrebbero essere meno a rischio rispetto alle persone che vivono in un paese con un sistema sanitario più povero. Negli Stati Uniti è stato riferito che gli afroamericani sono più colpiti dal virus corona. Gli esperti lo spiegano, tra l’altro, con il fatto che spesso si trovano in condizioni socialmente peggiori e di conseguenza ricevono un’assistenza sanitaria più scadente e hanno più condizioni preesistenti.

Autore dell'articolo: Diritti del malato

movimento per il sostegno del malato attraverso il miglioramento del sistema sanitario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *